logo metodo studiamo

logo metodo studiamo

Mission

Trasmettere ai ragazzi l’amore per lo studio, motivandoli a dare il meglio di sé con gioia. Perché lo studio è la migliore palestra per crescere e una solida base per il futuro!

CONTATTI
Phone:      348 9308400
E-mail:      studiamoconlucia@gmail.com
Address:   Via della Libertà GENOVA 16129
SOCIAL
FOLLOW:

Metodo StudiAmo

Come prendere i ragazzi

Luca mi fa impazzire: tenerlo un’ora fermo è impossibile ma mi aiuta il pallone grosso da pilates su cui si siede, si sdraia, si rotola e questo lo tiene occupato per un po’.
Nel frattempo, tra un contorsionismo e l’altro, gli spiego dei concetti e poi me li faccio ripetere.
Lui fa pause tra una parola e l’altra di diversi secondi, e ovviamente perde il filo del discorso.
Allora lo faccio mettere in piedi in fondo alla stanza (è lunga perché in realtà sono due stanze) e gli faccio ripetere i concetti, permettendogli un passo in avanti solo se sono corretti.
È leggermente più intenzionato ma ancora il discorso non scorre.
Lo richiamo alla scrivania, insieme facciamo un disegno di quello che deve ripetere e poi prova a dirmelo.
Ma si perde a giocare con le mani e di nuovo la continuità del discorso è compromessa.
Sorride: lui si diverte ogni volta che riesce a prendermi in giro, a fare il distratto e a vedere cosa mi invento per farlo studiare.
Gli faccio scrivere le parole chiave, gli faccio usare gli evidenziatori e poi lo rimando in piedi questa volta davanti a me per simulare l’interrogazione e gli correggo la postura, il modo di parlare, l’esposizione.
Faccio qualche battuta scherzosa e lui ride, ma in mezzo metto anche le considerazioni serie che lui coglie senza mettersi sulla difensiva.
Facciamo finta di essere su un palcoscenico a recitare e lui sta al gioco, anche se con mille dispetti.
Alla fine dell’ora ha usato la memoria visiva, uditiva, figurativa, la memoria a breve termine e a casa dovrà usare la memoria a lungo termine per fermare definitivamente la lezione e attivare il processo del recupero ma ha capito i concetti e ha capito come esporli e sono soddisfatta.
Luca prende le caramelle che gli piacciono dal solito cestino e se ne va chiedendomi di fargli il riassunto del capitolo successivo.
Questi ragazzi sembra che scappino da tutte le parti ma in realtà ci tengono a imparare, ci tengono a diventare bravi, solo che non vogliono essere umiliati e solo a determinate condizioni accettano gli insegnamenti.
Sono molto vigili in questo senso e attentissimi a come vengono trattati. E reagiscono di conseguenza.
Se sentono prevaricazione, chiudono tutti gli sportelli e non si riescono proprio a prendere.
Se sentono rispetto, coinvolgimento, leggerezza e divertimento diventano malleabili, simpatici, disponibili.
Sono molto sensibili i ragazzi e ci tengono molto di più al come che al cosa fare.

Please follow and like us:
0

Post a Comment