logo metodo studiamo

logo metodo studiamo

Mission

Trasmettere ai ragazzi l’amore per lo studio, motivandoli a dare il meglio di sé con gioia. Perché lo studio è la migliore palestra per crescere e una solida base per il futuro!

CONTATTI
Phone:      348 9308400
E-mail:      studiamoconlucia@gmail.com
Address:   Via della Libertà GENOVA 16129
SOCIAL
FOLLOW:

Metodo StudiAmo

L’AQUILA CHE SI CREDE UN POLLO

IL RISCHIO DEI RAGAZZI

Ecco il rischio di tanti ragazzi, aquile bellissime e potentissime, che non imparano mai a volare perché non sanno d essere aquile…

E il primo posto dove possono imparare a volare è proprio la scuola, lo studio.

Un estratto dal libro  Messaggio per un’aquila che si crede un pollo di Anthony de Mello che sicuramente conoscete ma che è sempre bello rileggere.

IL RACCONTO

Un giorno un allevatore di polli, appassionato scalatore, mentre si arrampicava su una montagna particolarmente difficile, s’imbatté in una sporgenza. Su quella sporgenza c’era un nido e nel nido c’erano tre grandi uova. Uova di aquila.

L’uomo sapeva di comportarsi in modo antiecologico e forse anche illegale, ma cedette alla tentazione di prendere una delle uova e metterla nel suo zaino, accertandosi, prima, che l’aquila madre non fosse nei paraggi. L’allevatore continuò la sua scalata, alla fine tornò alla fattoria e mise l’uovo nel pollaio.

Quella sera la gallina si sedette su quell’enorme uovo per covarlo: era l’immagine della madre più orgogliosa che si potesse immaginare. E anche il gallo sembrava fiero di sé.

A tempo debito, l’uovo si schiuse e l’aquilotto uscì, si guardò attorno, vide la gallina e disse: “Mamma!”

E fu così che l’aquila crebbe con i suoi fratelli pollastri. Imparò a fare tutto ciò che fanno i polli: chiocciare e schiamazzare, grattare per terra alla ricerca di vermi, agitare le ali furiosamente e volare a poche spanne d’altezza prima di ricadere, a terra, in una nuvola di polvere e piume. L’aquilotto era assolutamente sicuro di essere un pollo.

Un giorno, quando era ormai anziana, l’aquila-che-credeva-di-essere-un-pollo guardò il cielo. Lassù, in alto tra le correnti, volava maestosa, senza sforzo e senza quasi muovere le ali, un’aquila.

“Cos’è quella?” chiese stupita la vecchia aquila. “È magnifica. Quanta potenza e quanta grazia! È poesia in movimento.”

“Quella è un’aquila” disse un pollo. “È il re degli uccelli. È un uccello dei cieli, noi siamo solo polli, uccelli di terra”.

E FU COSÌ CHE L’AQUILA VISSE DA POLLO PERCHÉ QUESTO ERA CIÒ CHE CREDEVA DI ESSERE.

Please follow and like us:
0

Post a Comment